Crea sito
Privacy Policy

Sondaggi

Vi piace il nuovo negozio?
 
Quali prodotti equosolidali acquisti più spesso?
 
Come ci hai conosciuti?
 
Vi piace il sito?
 

Mailing list

Iscriviti alla mailing list contattandoci a [email protected]

Cerca

Chi è online

 2 visitatori online

Condividi

Ultimi commenti

News Ottobre

Buongiorno e buon ottobre a tutti!Dolcemente la nuova stagione sta facendosi largo nelle nostre giornate,,,, a parte i nuovi colori e le piogge più o meno gradite, noi in bottega lo vediamo anche dall'assalto alle banane ogni mercoledì.Giusta questa provvista di potassio magnesio vitamine ecc ecc. prima della stagione fredda, bravi, e ricordatevi anche dell'energia che trovate nelle nocciole e nel cacao dell' Equobonita, ultimamente un po' trascurata!
Passo alle notizie:- da lunedì 8 passiamo all'orario invernale, mattina invariato e pomeriggio 15.30/19;
- la volta scorsa vi avevo parlato di una delle cooperative con valore sociale i cui prodotti abbiamo in bottega, la IRIS. Vorremmo fare di questo un'abitudine, presentandovi ogni volta un gruppo, un progetto, una realtà di cui noi vediamo solo il risultato finale sotto forma di oggetto o di prodotto alimentare, ma non il valore di sviluppo, di inclusione, di riparazione di ingiustizie o di ferite che ci sta dietro. Questa volta in allegato trovate una scheda relativa agli oggetti di artigianato in ferro battuto (alberi della vita, pannelli, appendini...) provenienti da Haiti.

E infine, vi giro anche la locandina relativa al mercatino organizzato dal gas per domenica 14 in concomitanza con la festa dei sugoli organizzata dalla Pro loco a Conselve. La canapa è una pianta dalle mille virtù, non abbastanza nota ora, anche se presente nella cultura locale per secoli.Spero di non aver dimenticato niente di importante...
Con affetto per tutti voigxmillesoli

 

 

FERRO BATTUTO DI HAITI

I produttori con cui collaboriamo sono per la maggior parte piccole cooperative o realtà produttive che non potrebbero avere accesso al mercato italiano al di fuori dei canali del commercio equo e solidale. Con loro cerchiamo di instaurare un rapporto di conoscenza diretta, basato su una collaborazione continuativa e di lunga durata. Oltre a garantire loro un prezzo equo ed un pagamento anticipato fino al 50% del valore totale dell'ordine, collaboriamo con loro nello sviluppo di nuovi prodotti sia sul piano della progettazione e design che nella analisi di mercato.
L'intento è quello di sostituire al normale rapporto acquirente - fornitore, spesso sbilanciato nella relazione tra Nord e Sud del Mondo, un'autentica collaborazione i cui termini sono, da parte nostra un giusto trattamento economico-commerciale ed un appoggio solidale, tecnico ed operativo.

ARTISANS DE NOAILLES

Paese: HAITI

Ad Haiti‚ nella capitale Port au Prince‚ esiste un quartiere di Artisti del Ferro‚ Noailles. Nelle loro botteghe gli artigiani trasformano i materiali di scarto in arte. La tradizione del ferro battuto ha origine negli anni '50-'60 dall’idea di un lavoratore delle ferrovie che ha iniziato questa attività‚ che si è sviluppata nel corso degli anni.

I prodotti‚ realizzati con lamina di metallo ritagliato dai bidoni di petrolio‚ sono battuti e incisi manualmente attraverso la tecnica a sbalzo. Raccolti ai margini degli aeroporti o d’insediamenti industriali‚ i bidoni sono portati prima sul tetto dei taxi collettivi (tap tap) e poi sulle spalle‚ fino alla loro ultima destinazione. Il processo di lavorazione prevede che i bidoni siano scoperchiati sopra e sotto‚ tagliati lateralmente per tutta la loro lunghezza e bruciati al fine di eliminare la vernice e rendere il metallo più facilmente lavorabile. Poi l’artista sale, mani e piedi sulla piastra e l’appiattisce di peso. Tale lamina grezza è poi martellata e levigata più volte‚ attuando un processo in cui l’artista si appropria del metallo che trasforma con le sue mani in una materia plastica pronta a prendere le forme che gli suggerisce la sua creatività. Alla prima lavorazione seguono diverse fasi di rifinitura che sono svolte da uno o più aiutanti‚ e infine il cesello e la rifinitura ultima che sono fatti dall’artista. Salvo un’unica donna che si occupa di fare i disegni sul ferro‚ tutta la lavorazione viene effettuata da uomini‚ tutti maggiorenni‚ che vengono chiamati in base alle esigenze di produzione‚ si va da un minimo di 5 fino ad un massimo di 20 lavoratori che non hanno particolari situazioni di disagio sociale se non quella di vivere ad Haiti in condizioni di semipovertà. Solitamente lavorano dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 17‚ mentre nei periodi di picchi di produzione possono lavorare anche il sabato e la domenica.

Per fare una scultura come un albero della vita di circa 50 cm di diametro‚ sono necessarie circa 12 ore di lavorazione.

 

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

 

 

 


Powered by Joomla!. Designed by: joomla templates vps hosting Valid XHTML and CSS.
Francesco beato - siti web Wordpress Padova